Crea sito

C.R.A.C.

Centro Riabilitazione e Addestramento Cinofilo

Get Adobe Flash player

La zecca killer arriva anche in Italia

14 giugno 2013

La zecca killer è arrivata anche in Italia:
ecco perchè potrebbe essere pericolosa.

Un allarme che potrebbe minacciare la tranquillità dei vacanzieri italiani. Si tratta della Tick borne encephalitis, meningoencefalite, una malattia trasmessa dalla zecca Ixodes Ricinus, proveniente dall’Est Europa, dove è attualmente diffusa. Nel nostro Paese dovrebbe localizzarsi nelle zone rurali e urbane. Al momento è stata individuata nel Triveneto.

Ogni anno si registra all’incirca un massimo di 30 casi. La maggior parte di questi casi, la TBE  si rivela grave e, talvolta, mortale. Altra brutta notizia è che i casi sono in continuo incremento in proporzione dell’aumento delle temperatureche rendono gli ambienti vivibili per l’insetto. È necessario tenere sotto controllo la situazione. Le autorità sanitarie europee hanno, infatti, chiesto al nostro Paese l’inserimento di tale malattia tra quelle notificabili.

Il morso della zecca non provoca alcun dolore, poiché la saliva avrebbe un effetto anestetizzante. Inoltre, sembra non mostrare sintomi particolarmente evidenti, se non quelli che possono tranquillamente esser confusi con una normale influenza. Quindi, bisogna prestare molta attenzione.

Quello che è certo è che, dopo un periodo di incubazione che dura circa 7-14 giorni, la persona affetta dalla TBE mostra febbre, cefalea, senso di stanchezza e nausea. Possibili complicazioni potrebbero essere la paralisi e mialgia. Come se non bastasse, inoltre, sembra che la malattia possa colpire il sistema nervoso centrale, creando danni nocivi allo stesso, a volte anche permanenti.

Purtroppo non esiste una cura precisa per la TBE, ma è possibile prevenirla con una semplicevaccinazione, in grado di proteggere da tutti i tipi di virus sia del sottotipo Europeo che di quello Asiatico. È consigliabile, dunque, prima di intraprendere qualsiasi viaggio procedere nella vaccinazione,  che sarà somministrata in due dosi. La terza dose, al rientro, permette una copertura della durata di ben 5 anni.






Fonte:
http://www.ultimenotizieflash.com